Il protagonista della nostra intervista di oggi è Günter Leidlmair, un partner Blue Diamond dall’Austria. Abbiamo scoperto come si è unito all’azienda, di chi è più orgoglioso nel suo team e quali progetti ha per il futuro nell’azienda.

Raccontaci come ti sei unito a PLATINCOIN. Quando e perché hai deciso di farlo?

Sono entrato nell’azienda il 30 maggio 2017. Ho una memoria incredibile per i numeri, specialmente per quelli così significativi! Vengo da Marchtrenk in Alta Austria, e ho conosciuto PLATINCOIN in modo banale – su Facebook, dove ho visto una campagna pubblicitaria. Mi è piaciuta l’idea di fare soldi aiutando altre persone a migliorare la qualità della loro vita. Inoltre, chi non sogna la piena indipendenza finanziaria? E PLATINCOIN me l’ha promessa. E devo dire che non ha mentito!

Cosa facevi prima? Eri sempre nel network marketing?

Sì, ho venduto profumi e cosmetici per molti anni, quindi il concetto di network marketing non mi era nuovo. Le conoscenze e l’esperienza mi sono state molto utili in PLATINCOIN, ma questa azienda è comunque molto diversa da quelle con cui ho avuto a che fare prima.

Qual è la differenza principale tra PLATINCOIN e altre società che conosci?

In PLATINCOIN è molto più facile ottenere il successo grazie al nostro piano di marketing. Esso è davvero geniale! E questo per non parlare di tutti gli strumenti che l’azienda offre ai suoi partner. Semplicemente prendili e utilizzali! Apprezzo molto l’assenza di restrizioni sia nelle possibilità che nelle finanze.

Condividi i tuoi obiettivi per il futuro. Quali sono i tuoi sogni?

Attirare quante più persone possibile per portarle al successo, per fargli vedere quanto possa essere incredibile la loro carriera, quella carriera che gestisci completamente da solo. Naturalmente voglio anche ottenere il grado Platin Diamond. Questo è il mio obiettivo principale.

Quante persone ci sono nella tua struttura? Come è cambiata la tua vita da quando hai iniziato a lavorare con PLATINCOIN?

Al momento ci sono esattamente 440 persone nel mio team. Parlando di cambiamenti di vita, oh, non posso elencarli tutti! PLATINCOIN mi ha dato la libertà – lavoro per il mio piacere, guadagno quanto voglio, ma ora ho il doppio del tempo libero. Stabilisco io il mio programma e la mia agenda e organizzo il mio processo di lavoro. Alcune persone potrebbero essere più abituate a fare affidamento sugli altri, ma un business come PLATINCOIN è per i veri leader. Per coloro che sognano di costruire la propria vita in modo completamente indipendente, ed è quello che faccio io.

Raccontaci del tuo più grande successo nell’azienda. Di cosa sei orgoglioso?

Il mio più grande successo è che ora letteralmente ogni giorno i miei compagni di squadra mi chiamano e mi ringraziano per il sostegno e la collaborazione con PLATINCOIN. Mi ringraziano per averli portati in questa azienda e per avergli dato l’opportunità di usare il PLC. È incredibile sapere che hai aiutato decine di persone a migliorare la loro vita! E, naturalmente, sono orgoglioso del mio grado Blue Diamond. È un grande risultato per me.

Qual è stata la parte più difficile del tuo lavoro?

Aumentare gli incassi. Mi ci è voluto un pò per capire come funzionava tutto nell’azienda, ma quando l’ho capito, tutto è andato liscio.

C’è stato qualche evento memorabile legato alla PLATINCOIN nella tua vita?

Ricordo soprattutto il mio lancio di vendite nel 2017, quando ero appena arrivato in azienda e stavo iniziando a costruire la struttura da zero. Se parliamo di eventi, ricordo ancora con affetto quelli di Berlino e Praga!

Parlando di partner, c’è qualcuno nella tua struttura che ammiri e rispetti particolarmente?

Ho cercato per molto tempo e molto, molto tenacemente di convincere il mio compagno di squadra e amico Robert Kepe che il PLC meritava davvero la sua attenzione e che poteva portare benefici sia a lui che al mondo intero. È stata una lotta durata diversi mesi… E oggi il fatturato del team di Kepe supera i 500.000 euro! Thomas Spiess, Jürgen Olipic, Charlie Kaufmann, Peter Bissegger, Clemens Fritz, Miki Stankovic – sono orgoglioso di tutti questi ragazzi, così come di tutta la mia struttura. Senza il lavoro di squadra non avremmo ottenuto nulla, quindi grazie a tutti!