Ogni settimana raccogliamo le notizie più importanti su criptovalute e blockchain. Dopotutto, chi possiede le informazioni ha successo nel mercato.

Oggi parleremo dell’espansione di JPMorgan nella blockchain, della stablecoin basata sul debito pubblico e dei nuovi dettagli su Ethereum 2.0.

1. JPMorgan sta reclutando collaboratori per la sua divisione blockchain.

L’azienda prevede di ricoprire posizioni in audit, ingegneria e marketing. Attualmente, ci sono 82 posti vacanti relativi alla blockchain sul sito web della holding finanziaria. La holding è alla ricerca di un’ampia varietà di specialisti: dai product manager e strategy manager agli esperti di sicurezza informatica.

Il CEO di JPMorgan Wealth Management ha anche sottolineato che molti clienti della holding considerano già il BTC come una nuova classe di attività e vogliono investire in esso.

La blockchain è in grado di trasformare i mercati e aprire nuove soluzioni a vecchi problemi. Coloro che lo capiscono hanno già iniziato a cercare attivamente gli specialisti necessari. Col tempo la domanda di tali competenze non farà che aumentare.

2. I cofondatori della banca digitale FV Bank hanno annunciato di aver ottenuto un brevetto statunitense per una stablecoin che si basa sul debito pubblico.

Il titolo provvisorio del progetto è Yuga Coin. Dal sanscrito, la parola Yuga può essere tradotta come “l’unione di due generazioni”. La stablecoin viene descritta come “un criptoattivo tokenizzato supportato dal debito pubblico”. Gli sviluppatori ritengono che Yuga Coin sarà più sicura delle stablecoin supportate da valute fiat.

In teoria, questo approccio potrebbe essere più sicuro rispetto al fare affidamento sulle banche centrali. Inoltre, data la crescente pressione sulle stablecoin, il mercato potrebbe aver bisogno di alternative.

3. Vitalik Buterin parla dell’impossibilità di riorganizzare la blockchain dopo il passaggio a Ethereum 2.0

La nuova rete utilizza la “regola di selezione di fork LMD-GHOST”, in cui ci sono iniziatori e attestatori di blocchi. L’iniziatore deve proporre un blocco e il gruppo di attestatori deve votare per la migliore continuazione della rete.

Ogni 12 secondi si verifica un nuovo slot in Ethereum 2.0, l’algoritmo seleziona casualmente 1/32 dei validatori (ora 6.125), uno dei quali diventa l’iniziatore e gli altri diventano gli attestatori. I criminali non saranno in grado di concentrare la parte dominante dei validatori in un unico blocco di 64 slot.

Buterin riconosce che la fusione troppo rapida delle due reti potrebbe creare nuovi rischi. Ma crede che il modo migliore per affrontare eventuali riorganizzazioni sia quello di accelerare il passaggio a Ethereum 2.0.

La nuova rete Ethereum potrebbe cambiare radicalmente il mercato delle criptovalute. Nuove opportunità si apriranno per gli sviluppatori e gli investitori; alcuni analisti credono addirittura che ETH supererà il BTC. L’aggiornamento è stato atteso a lungo, quindi è improbabile che la comunità sia intimidita dai rischi limitati.