I partner di Platincoin vivono in 120 paesi del mondo – dall’Europa fino all’Africa. Il protagonista dell’intervista di oggi è Favor Susano, partner nigeriano con il grado Purple Diamond. Lui è stato il pioniere del Platincoin in Africa. Oggi ci sono oltre 15 000 persone nella sua struttura. Nell’intervista Favor ci ha spiegato perché aveva creduto nel Platincoin, com’era essere il primo nella sua regione, e quali sono i suoi obiettivi globali in questo momento.

Quando è iniziata la sua storia con il Platincoin?

Mi sono unito al progetto a maggio del 2017 e sono diventato il pioniere del Platincoin in Africa. Adesso il mio rango è Purple Diamond e nella mia struttura ci sono oltre 15 000 partner. Perché ho deciso di lavorare al progetto? Il fatto è che nel Platincoin ci sono tre fattori importanti – l’unicità del progetto, le tecnologie innovative implementate nel progetto e la personalità dei creatori.

Come ha saputo del Platincoin?

È stata la mano di Dio! Veramente. A gennaio del 2017 pregavo Dio di farmi partecipare ad un progetto di criptovalute che era destinato a diventare grande. E a maggio del 2017 Dio ha risposto alle mie preghiere – il signor Lars Gitknecht, in quel momento per me sconosciuto, mi ha inviato su Facebook le informazioni sul Platincoin. L’articolo, tuttavia, era in tedesco, e ho dovuto lavorare sodo per tradurlo in inglese. Ma ne è valsa la pena! Il mio cuore mi ha suggerito: “Questa è la risposta a tutte le tue preghiere!”

Ho contattato immediatamente Lars, ma a causa della barriera linguistica non siamo riusciti ad iniziare a comunicare. Perciò lui mi ha dato i contatti di Bea Menge, partner del Platincoin con un rango superiore a quello di Lars. Alla fine Bea è diventata il mio mentore – lei rispondeva alle mie domande, mi insegnava il lavoro con i prodotti, ed inoltre, mi spiegava come si faceva a formare il proprio team. In gran parte grazie a lei il Platincoin è così popolare oggi in Africa.

All’epoca aveva già lavorato nel network marketing?

Sì. Dal 2013 al 2015 ho lavorato presso un’agenzia di viaggi, e questa esperienza è diventata un’ottima base per il mio sviluppo nel Platincoin. Ho imparato a reclutare le persone nella squadra e ho anche imparato le basi del marketing e della pubblicità. Dal 2015 al 2016 ho lavorato nel mercato di criptovalute e ci ho fatto una fortuna. Ma a un certo punto la situazione ha iniziato a peggiorare. Andava avanti così, finché nel 2017 non ho saputo del Platincoin.

Come si distingue il Platincoin dagli altri progetti in cui aveva lavorato prima?

Platincoin è stato un dono del destino per me. Capivo che nel network marketing occorreva lavorare sodo per avere successo. Dunque, nel 2018 ho ridotto le mie attività in altri campi e mi sono concentrato completamente sul Platincoin. A differenza dei progetti in cui avevo lavorato prima, Platincoin ha una leadership unica! Il team del progetto è composto da persone oneste e tenaci con una grinta inesauribile, e il creatore di Platincoin, Alex Reinhardt, è un vero pioniere che crea una nuova strada che nel futuro seguiranno le altre persone.

Un altro vantaggio importante di Platincoin è che esso offre reali opportunità di guadagno e di crescita professionale. Per me è particolarmente importante che Platincoin sia un progetto internazionale grazie a cui i cittadini africani ottengono pari opportunità di guadagno. Credo che Platincoin sia un vero strumento per la ridistribuzione della ricchezza. 

Un altro fattore significativo sono i prodotti innovativi di Platincoin che migliorano la vita delle persone. 

Inoltre, Platincoin è un ottimo posto per fare amicizia.

Qual è il suo obiettivo principale nel Platincoin?

Il mio obiettivo globale è salvare i milioni di africani dalla povertà per mezzo dei prodotti e degli strumenti di Platincoin. Per fare questo sono pronto a dare il massimo al 100%! Oggi nella mia struttura ci sono oltre 15 000 persone, ma non è ancora sufficiente per influire in modo significativo sul benessere finanziario del popolo africano.

Perciò continuerò a condividere le informazioni su questo progetto in modo che sempre più persone possano scoprire le eccellenti opportunità che offre il Platincoin.

Qual è il suo più grande successo nel lavoro con il Platincoin?

Mi sono guadagnato il rispetto del mio team, dei miei amici e della società. Ho ottenuto riconoscimento mondiale, sono diventato finanziariamente indipendente, ed inoltre, più responsabile. Dopotutto creare, insegnare e guidare un’intera struttura di persone è già una prova di resistenza.

Inoltre, sono molto felice che grazie al Platincoin ho potuto incontrare così tante persone fantastiche da diverse parti del mondo. E incontrare di persona Alex Reinhardt è stata la cosa più fenomenale che mi sia mai capitata!

Dopotutto, Platincoin è una società Apple tra le criptovalute! Quindi incontrare Alex per me è come incontrare Mark Zuckerberg o Elon Mask. Questo incontro significa che anch’io sono una grande persona.

 

Qual è stata la cosa più difficile per Lei nell’azienda?

 Quando mi ero appena unito al Platincoin, tutti quanti mi prendevano in giro: i miei parenti, amici, perfino i vicini. In più, molti membri del mio team precedente si sono rifiutati di continuare a collaborare con me. Pensavano che Platincoin fosse una truffa in cui li volevo trascinare. Sono rimasto assolutamente solo e semplicemente stavo andando avanti. Non sapevo se un giorno avrei avuto successo, se sarei riuscito a dimostrare di avere ragione, se qualcuno si sarebbe unito a me per sviluppare insieme questo progetto. Per fortuna è andato tutto bene, è proprio adesso tutto questo sta accadendo – io e il mio team stiamo crescendo, e insieme a noi cresce anche il Platincoin.